You need to upgrade your Flash Player to version 10 or newer.

Rapporto scuola-genitori

Nell’elaborazione del POF assume una funzione decisiva l’apporto delle componenti scolastiche cosiddette esterne.

I genitori esprimono aspettative ed esigenze di cui il POF deve tener conto e costituiscono quindi il necessario raccordo tra realtà interna della scuola e contesto operativo. La partecipazione dei genitori è libera nelle forme, ma necessaria nella sostanza ed espressamente richiesta dalle norme.

Nella comunicazione del POF, è previsto un preciso obbligo d’informazione da parte della scuola nei confronti delle famiglie. L’Istituto deve far conoscere il Piano all’atto delle iscrizioni ed anche nella fase precedente, in cui le famiglie scelgono la scuola che i figli dovranno frequentare.

Gli alunni sono i soggetti che fruiscono dell’offerta formativa. Essi concorrono attivamente alla realizzazione, in itinere, dei percorsi previsti per il raggiungimento degli obiettivi didattico-formativi, espressi nel POF.

Gli alunni sono parte integrante del processo valutativo del servizio offerto dalla scuola, in termini di qualità. Ed è proprio la risposta degli alunni, in positivo o in negativo, ad offrire agli insegnanti e d ai genitori medesimi continui spunti di riflessione, nell’ottica di un’ottimizzazione dei rapporti e delle azioni, volte a migliorare la scuola.

L’obbligo scolastico e la regolarità della frequenza sono assicurati attraverso interventi diretti, quali la puntuale registrazione delle presenze e delle assenze degli alunni da parte degli insegnanti, il contatto telefonico delle famiglie dell’alunno in caso di assenze prolungate e di discontinuità nella frequenza. In questo ultimo caso si provvederà ad emettere, nei confronti della famiglia, una nota di richiamo all’osservanza dell’obbligo scolastico e alla regolarità della frequenza stessa.

Scarica l’elenco dei libri adottati

Scarica i documenti

Scarica la modulistica famiglie